Logo Poesiafestival 2007
I luoghi del Festival.
La poesia dei luoghi
img
Intro
img
Anteprima
img
Programma
img
Eventi collaterali
img
Altre iniziative
img
Chi
img
Profili biografici
img
Promotori e sponsor
img
Informazioni e contatti
img
Come raggiungerci
img
Seguici anche su
Facebook
img
Sala stampa
img
Archivio
img
Home

link under29
Concorso di poesia 2009
 
Quinta edizione
Dal 24 al 27 settembre 2009

Anteprima dal 21 al 23 settembre

Unione Terre di Castelli in provincia di Modena:
Castelnuovo Rangone
Castelvetro di Modena
Marano sul Panaro
Savignano sul Panaro
Spilamberto
Vignola
Comune di Maranello

img
Promotori
Unione Terre di Castelli | Fondazione di Vignola | Fondazione Cassa di Risparmio di Modena | Provincia di Modena | Regione Emilia Romagna
img
Co-promotori
Comune di Maranello | Comune di Marano sul Panaro
 
img
Con il contributo di
Regione Emilia Romagna | Assemblea Legislativa


I luoghi del Festival. La poesia dei luoghi
 

L’Unione Terre di Castelli raggruppa dal 2009 otto comuni della provincia di Modena. A Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Savignano sul Panaro, Spilamberto, Vignola, che si sono uniti per governare meglio un territorio in cui storia, socialità e tradizione si sposano con la bellezza dei paesaggi si sono aggiunti Guiglia, Marano e Zocca. Un territorio popolato da persone ospitali e vivaci, la cui vitalità si esprime attraverso un’incredibile ricchezza di eventi e feste durante tutto l’arco dell’anno, mantenendo alto il livello di attenzione e cura del patrimonio culturale, ambientale e sociale. Caratteristiche proprie anche di Maranello che, con Marano, dal 2006 prende parte al Festival.
Si aggiunge così alle altre realtà, già ricche di attrattive, la bellezza del Parco fluviale con le spiagge sul Panaro, lo scenario delle colline e della prima montagna e il mito mondiale dei motori, la Ferrari.
Quante delle persone che hanno partecipato alle precedenti edizioni si saranno “pentite” di non aver prenotato un soggiorno, una permanenza che consentisse una giornata in più, un bicchiere in più, un nuovo ristorante? Sul sito www.poesiafestival.it troverete descrizioni dei principali eventi e luoghi di interesse delle varie località. Ma utilizzando gli indirizzi e i telefoni che vi forniamo qui sotto (i siti dei comuni sono tutti molto ben costruiti) potrete avere davvero informazioni esaustive per programmare una piccola vacanza che unisca alla poesia del Festival la poesia di queste terre e delle genti che le abitano.


img

Piccola guida

Unione Terre di Castelli
www.terredicastelli.it

Provincia di Modena
viale Martiri della Libertà, 34 - Modena
UrP: tel. 059 209 199
orari: dal lunedì al giovedì 9.00-13.00 / 15.00-18.00
venerdì 9.00-13.00
www.provincia.modena.it

IAT - Informazioni e accoglienza turistica - Unione Terre di Castelli
presso il Museo dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena
via Roncati, 28 - 41057 Spilamberto
tel. 059 781 270
fax 059 781 286
orari: da martedì a domenica 9.30-13.00 / 15.00-19.00
lunedì chiuso
info@turismoterredicastelli.it

IAT - Informazioni e accoglienza turistica - Terra di Motori
presso Galleria Ferrari
via Dino Ferrari, 43 - 41053 Maranello
tel. 0536 073 036
orari: da lunedì a sabato10.00-13.00/14.00-17.00
domenica 10.00-13.00
www.maranello.it

Strada dei vini e dei sapori
via Tavoni 20, 41058 Vignola
tel. 059 776 711
www.cittacastelliciliegi.mo.it

Museo del Balsamico Tradizionale - Spilamberto
Villa comunale Fabriani
via Roncati, 28 - 41057 Spilamberto
orari: da martedì a domenica 9.30-13.00 / 15.00-19.00
lunedì chiuso
o su prenotazione: tel. 059 781 614
www.museodelbalsamicotradizionale.org

Galleria Ferrari di Maranello
via Dino Ferrari, 43
41053 Maranello
orari: tutti i giorni 9.30-18:00
dal 1 maggio al 30 settembre
apertura prolungata fino alle 19.00
tel. 0536 943 204
www.galleria.ferrari.com

Comune di Castelnuovo Rangone
UrP e Informazioni: tel. 059 534 810
www.comune.castelnuovo-rangone.mo.it

Comune di Castelvetro di Modena
UrP: tel. tel. 059 758 875
Ufficio turistico: tel. 059 758 880
www.comune.castelvetro-di-modena.mo.it

Comune di Savignano sul Panaro
Ufficio comunicazione (ore 9.00-12.00)
tel. 059 759 915
www.savignano.it

Comune di Spilamberto
UrP: tel. 059 789 929
www.comune.spilamberto.mo.it

Comune di Vignola
UrP: tel. 059 777 511
www.comune.vignola.mo.it

Comune di Marano sul Panaro
UrP: tel. 059 705 711
www.comune.marano.mo.it

Comune di Maranello
UrP: tel. 0536 240 000
www.comune.maranello.mo.it



img

Castelnuovo Rangone

Il piccolo centro storico è stato recentemente recuperato attorno alla Torre medievale, uno dei simboli dell’identità cittadina. A metà tra il Municipio e la Chiesa, si trova la statua del maialino, piccolo “monumento” in bronzo all’animale-simbolo della qualità del lavoro delle tante aziende locali, maestre riconosciute nella lavorazione delle carni suine.
Castelnuovo ha dedicato, primo Comune in Europa, un parco a John Lennon, «poeta, musicista e pacifista», sede di eventi, concerti e iniziative culturali. Di fronte si trova il parco di lettura Il Giovane Holden, collegato alla biblio-mediateca di prossima apertura, all’interno di Villa Ferrari. Sparse per Castelnuovo le Bacheche letterarie, sono lastre di vetro che ospitano testi, poesie, canzoni d’autore. Il parco Sandro Pertini è illustrato dalle tavole a fumetti di Andrea Pazienza e da poesie di Edoardo Sanguineti.
Nel grande parco Rio Gamberi c’è la Collina delle Fiabe, con le sagome dei personaggi realizzate da Emanuele Luzzati, cittadino onorario di Castelnuovo Rangone.
Gli amanti delle due ruote possono percorrere la strada Jack Kerouac, un tratto della pista ciclabile Modena-Vignola.
La frazione di Montale è uno dei siti archeologici più noti dell’Età del Bronzo. Qui sorge il Parco archeologico della Terramara, vera “scuola-museo” all’aperto dove i visitatori possono cimentarsi con le attività artigianali e quotidiane delle genti della civiltà terramaricola. Sempre a Montale, un parco è stato dedicato all’artista e designer Bruno Munari.


Castelvetro di Modena

Il cuore del paese, patria del vino Lambrusco Grasparossa e bandiera arancione per l’ospitalità turistica, è Piazza Roma, sulla quale si affacciano il Palazzo comunale, le Torri dell’orologio e delle prigioni e il Palazzo Rinaldi. Al centro una pavimentazione in lastre bianche e nere forma una scacchiera, teatro di partite di dama vivente in occasione di rievocazioni storiche in costume, legate alla permanenza in paese di Torquato Tasso.
Castelvetro ospita il Mercurdo, mercato dell’assurdo, manifestazione internazionale dedicata ad artisti e comici del non sense. Oggi, in paese, esiste anche il Musa, museo dell’assurdo, il cui patrimonio di opere d’arte si arricchisce anno dopo anno.
Nel 2004 è stata conferita la cittadinanza onoraria al cantautore e scrittore Francesco Guccini.
Di particolare interesse sono i diversi oratori sparsi sul territorio, tra cui spicca l’oratorio di San Michele, tra i torrenti Guerro e Nizzola, a metà strada tra Levizzano e Castelvetro. A Levizzano, frazione di Castelvetro, troviamo il Castello, eretto prima dell’anno mille e la Torre matildica. Ai piedi del Castello è stato recentemente recuperato il Cimitero napoleonico, suggestiva sede di concerti. Particolarmente interessante il santuario di Puianello, dedicato alla Madonna della Salute. Alla Chiesa, oltre che in auto, è possibile accedere anche attraverso un viale-gradinata, fiancheggiato da cipressi. Una volta raggiunta la Croce, il punto più alto della zona, si può ammirare uno splendido panorama delle campagne circostanti.


Savignano sul Panaro

Di particolare interesse è il borgo medievale di Savignano alto. La strada di accesso al Castello è pavimentata in ciottoli di fiume. Dopo il torrione, che sovrasta il primo voltone, si snodano edifici costruiti sulle antiche mura castellane: la Casa del capitano, che presenta tracce di affreschi e le case successive, molto caratteristiche, che furono edificate su una cinta muraria interna. Proseguendo attraverso una scala di mattoni, si giunge al sagrato della Chiesa, circondato da un robusto muro che è quanto rimane dell’originario nucleo della Rocca.
La zona che fiancheggia la strada Bazzanese è di notevole interesse per la concentrazione di grandi querce, testimonianza di un passato in cui la bassa collina era ricoperta di boschi. Dal centro storico di Savignano, parte infatti l’itinerario detto «la via delle querce».
Al Centro civico, in località Doccia, c’è il Museo paleontologico dell’elefante, che prende il nome dal reperto fossile di Archidiskodon gromovi, unico esemplare autoctono della Val Padana. Per le visite telefonare alla Biblioteca comunale al numero 059 731439.
Nel territorio di Savignano fu trovata nel 1925 una delle più note veneri preistoriche d’Italia, la Venere detta appunto di Savignano, immagine femminile di fertilità, custodita al Museo Pigorini dell’Eur a Roma.
Oggi Savignano si caratterizza anche come uno dei primi e più attivi comuni italiani impegnati per la cultura della legalità, contro le mafie, a sostegno dell’associazione Libera di Don Ciotti e Rita Borsellino.


Spilamberto

Durante i restauri del Torrione medievale (inizi XIV secolo) fu scoperta una cella con muri ricoperti da iscrizioni: un diario tenuto da un prigioniero, tal Messer Filippo, amante dello «stil novo», che, leggenda vuole, prima di morire, abbia fatto udire un lamento che echeggia nelle notti estive.
Al primo piano del torrione ha sede l’ordine del Nocino Modenese, associazione nata nel 1878 che promuove l’antico liquore a base di noci e di usanze antichissime. A piano terra invece risiede Antiquarium, mostra permanente di archeologia del fiume Panaro. Per le visite telefonare al numero 059 789964.
Opposta al Torrione è la Rocca Rangoni (inizi XIII secolo, ma più volte modificata). Diventata abitazione della famiglia Rangoni dal 1650 fino al 2005 quando è stata acquisita dal Comune assieme al suo grande parco centenario che arriva ad affacciarsi sul fiume Panaro.
Una delle strade più antiche e caratteristiche di Spilamberto è via Obici con i suoi portici, le sue “canòle” e l’osteria. Un vicolo che attraversa l’antica via è stato forse il primo in Italia dedicato a Fabrizio De Andrè.
Tanta storia, ma anche tanta natura. Gli amanti delle passeggiate a piedi o in bicicletta possono seguire il percorso Natura che fiancheggia la riva del fiume Panaro fino a Vignola, oppure la pista ciclabile sul tracciato della vecchia ferrovia. Percorsi sicuri, da cui ammirare la campagna con i suoi alberi da frutto, le siepi alte e basse e le piante autoctone.
Imperdibile il Museo del Balsamico Tradizionale, all’interno della settecentesca Villa comunale Fabriani, che ospita anche la sede della Consorteria dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena. Per visite guidate e assaggi al Museo telefonare al numero 059 781614.
Tra gli eventi più importanti non si può dimenticare la centenaria Fiera di San Giovanni Battista (fine giugno, in occasione del Santo Patrono) manifestazione dedicata ai prodotti tipici e all’avicunicultura, all’interno della quale si realizza anche il Palio del Balsamico gara in cui si premiano i migliori 12 produttori di Balsamico, dopo innumerevoli assaggi (nel 2008 si sono fatti 12.700 assaggi).
Nel periodo autunnale la manifestazione principale è Vetrine Motori e Balsamici Sapori, iniziativa in cui nella prima giornata del sabato si celebra la cottura del mosto (elemento base per la produzione dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena) a cielo aperto e a fuoco lento, mentre la domenica è dedicata ai motori.


Vignola

Vignola è conosciuta nel mondo per le sue ciliegie a cui si dedicano feste e sagre, tra cui quella splendida della fioritura, che si svolge tutti gli anni tra aprile e maggio.
Situata nel cuore del centro storico, a dominare il fiume Panaro e la valle, la Rocca è il simbolo della città. Le sue origini sono antichissime: è citata già nel IX secolo. Sorta come struttura difensiva, con la signoria dei Contrari, ha assunto, nei secoli, le funzioni di dimora residenziale. Al suo interno sono visitabili diverse sale che prendono il nome dai motivi degli affreschi, la cappella, gli alloggi degli armigeri (poi diventati prigioni) e i camminamenti di ronda che collegano le tre torri. Dal cassero si può ammirare lo splendido panorama del centro storico e delle campagne. Per le visite telefonare al numero 059 775246.
Di fronte alla Rocca il Palazzo Boncompagni (o Barozzi). Costruito a partire dal 1560 per Ercole Contrari «il vecchio», viene attribuito al noto architetto vignolese Jacopo Barozzi, al quale si deve la bellissima scala a chiocciola a struttura elicoidale autoportante.
Sempre in centro troviamo la Casa di Lodovico Antonio Muratori, dove nacque l’illustre storico e letterato (1672-1750), che ospita anche la Scuola di musica comunale.
A Vignola sono diversi i percorsi naturalistici. Tra questi, il percorso Sole, che segue il fiume Panaro fino al Ponte di Marano. Percorribile a piedi o in mountain bike, il sentiero si addentra in un ricco paesaggio fluviale. Su questo percorso si trova il Casale della Mora, ostello dove si può pernottare. Per prenotazioni telefonare al numero 059 764365.
Da diversi anni Vignola promuove in giugno, Jazz in’ It, prestigiosa rassegna internazionale di musica jazz.


Maranello

Maranello è sinonimo in tutto il mondo di Ferrari: qui, nel 1943, Enzo Ferrari trasferì gli stabilimenti dell’azienda automobilistica che da allora è universalmente riconosciuta come uno dei simboli dell’innovazione tecnologica, del know how, della passione per il lavoro. Oltre alla sede storica di Via Abetone Inferiore, negli ultimi anni il territorio si è arricchito di altri, importanti “segni” legati alla presenza dell’azienda: la Galleria Ferrari, visitata ogni anno da decine di migliaia di appassionati, che dal 1990 racconta la storia e l’attualità del mito Ferrari attraverso le vetture, i motori, le immagini più significative; l’avveniristica Galleria del Vento progettata da Renzo Piano; i nuovi stabilimenti di via Grizzaga disegnati da Massimiliano Fuksas, un complesso tecnologico costruito “a misura d’uomo”.
Il territorio di Maranello, tra la fascia collinare e la pianura, è anche caratterizzato dalla presenza di numerosi parchi e aree verdi, come il Parco Enzo Ferrari, che in estate ospita spettacoli e iniziative, e il Parco di Villa Rangoni Machiavelli, aperto al pubblico tra marzo e ottobre, dove si trovano decine di importanti opere di scultura contemporanea della Collezione Severi (tra gli altri, lavori di Pietro Cascella, Yoshin Ogata, Gio’ Pomodoro). Di rilievo naturalistico anche il percorso ciclo-pedonabile che affianca il Torrente Tiepido.
Le manifestazioni più importanti sono il Giugno Maranellese (i fine settimana di giugno in Piazza Libertà), l’Estate a Maranello (a luglio nei parchi e nelle piazze del capoluogo e delle frazioni), Maranello Terra di Motori (tra aprile e maggio, iniziativa dedicata ai motori e alla sicurezza stradale), il Gran Premio del Gusto (in ottobre, appuntamento legato ai prodotti tipici e alla gastronomia).


Marano sul Panaro

Per la sua caratteristica di essere l’ultimo Comune della pianura ed il primo della montagna, Marano sul Panaro è stato definito “la porta dell’Appennino”. Ciò rappresenta una ricchezza per il paese che gli ha permesso da un lato di raggiungere i livelli di sviluppo economico e sociale propri della pianura e di conservare, allo stesso tempo, le bellezze naturali e l’economia rurale tipiche delle zone collinari.
La conoscenza, la tutela la fruizione dell’ambiente naturale sono da tempo la priorità delle Amministrazioni comunali maranesi che, con i loro interventi, nel corso degli anni, hanno creato un’offerta turistica di indubbio interesse con il Museo civico di ecologia e storia naturale, il Museo delle Energie, il Parco faunistico di Festà, il Parco delle Cince a Casona. Migliaia di visitatori ogni anno fruiscono del Parco Fluviale di Marano, attraversato dal Percorso Natura che da Modena giunge fino a Casona.
Essendo ricco di storia, il territorio di Marano offre ai visitatori borghi di interesse architettonico e ambientale come Festà, Ospitaletto, Rodiano, Denzano e Villabianca.
Altra eccellenza del nostro territorio sono i prodotti tipici (Parmigiano Reggiano, aceto balsamico tradizionale, tortellini di Marano, crescentine, gnocco, borlenghi, ecc.) che si possono acquistare nelle numerose rivendite o degustare nei molti ristoranti presenti.
Durante tutto l’arco dell’anno, si tengono parecchie manifestazioni culturali e ricreative, a testimonianza dell’elevato grado di coesione sociale che caratterizza i cittadini di Marano; basti pensare che in paese operano 23 Associazioni basate principalmente sul volontariato. Tra gli eventi più importanti segnaliamo: il Festival nazionale ed europeo del Teatro dei Ragazzi, la rassegna di danza Anzichèdanza ed il ciclo di incontri con i protagonisti di alpinismo, avventura ed espolorazione Azione Natura, il Carnevale Maranese, la Festa dell’agricoltura, il Mercatino di Natale.

© 2008 Poesia festival - Unione Terre di Castelli in provincia di Modena